Canzoni di Natale sarde: Notte de Chelu

Notte de Chelu è la più famosa delle Cantones de Nadale, scritte da Pietro Casu e musicate da Agostino Sanna, in occasione della novena del Natale 1927.

Ebbero immediato consenso, prima a Berchidda e poi, via via, in tutta la Sardegna, e ancora oggi sono conosciute ed eseguite durante la novena nelle chiese dell’isola.

L’intento del parroco poeta era quello di mettere in contatto la lingua sarda e la preghiera, divulgando e promuovendo il sardo logudorese, espressione delle nostre radici e, anche per suo merito, della fede. 

Il museo dedicato a Pietro Casu

Il Museo Pietro Casu è un piccolo gioiello custodito nella Casa Meloni-Pala che si affaccia su Piazza del Popolo, a Berchidda.
Curato dall’Associazione Eredi Pietro Casu, vi sono esposti manoscritti, libri, oggetti sacri, fotografie e documenti del sacerdote.

Pietro Casu, oltre che autore dei testi poetici delle Cantones de Nadale, è stato un famoso predicatore, importante romanziere e lessicografo.

Il museo è visibile anche durante uno degli eventi più attesi del Natale in Sardegna: Notte de Chelu, che prende il nome proprio dalla famosa canzone.

Scopri di più sul programma di Notte de Chelu

Testo e traduzione Notte de Chelu

Notte de chelu es custa d’ogni sinu
de allegria si sentit bundare,
ca in sa grutta es nadu su Bambinu
dai s’inferru pro nos liberare.

Es nadu, es nadu, es nadu su Bambinu.
Enide, enide tottus a l’ammirare,
enide a l’adorare,
enide a l’adorare, a l’amare.
Iss’a lassadu su chelu lughente
e bennid’est a sa grutta a penare,
che fizigheddu de povera zente
e fit zu fizzu de su Re divinu.

Es nadu, es nadu…

Subra sa paza l’ana collocadu
ca non b’aiat lacu a reposare,
ma sos Anghelos l’ana acoltegiadu
tra sas istellas fatendhe caminu.
Es nadu, es nadu…
Pustis sun sos pastores acudidos
che poveritos a lu saludare
e tra lughe de chelu si sun bidos
e tottu an bid’oro in su terrinu.

Es nadu, es nadu…

Pannos no at sa Mama a lu estire,
ma sa lughe l’hat chelfid’ammantare:
no at prendhas nè oro a si frunire,
m’a tott’astros e mundhu in destinu.

Es nadu, es nadu…

Notte Celeste

Notte celeste è questa, ogni seno
d’allegria si sente abbondare,
perché nella grotta è nato Gesù Bambino
per liberarci dall’inferno. 

È nato, è nato, è nato Gesù Bambino.
Venite, venite tutti ad ammirarlo,
venite ad adorarlo,
venite ad adorarlo, ad amarlo. 

Egli ha lasciato il cielo rilucente
ed è venuto nella grotta a penare,
come un figliolo di povera gente
ed era il figlio del Re divino. 

È nato, è nato… 

Sulla paglia l’hanno deposto
perché non c’era una culla per riposare,
ma gli angeli l’hanno scortato
facendogli strada tra le stelle. 

È nato, è nato… 

Poi sono arrivati i pastori,
i poveretti, per salutarlo
e tra la luce celestiale si son visti
e han visto oro su tutto il terreno. 

È nato, è nato… 

La Madre non ha panni per vestirlo,
ma la luce l’ha voluto avvolgere:
non ha gioielli né oro di cui ornarsi,
ma regge il destino di tutti gli astri e del mondo. 

È nato, è nato…

Comments are closed.