Edina Altara

Edina Altara: artista, pittrice e ceramista sarda

arte edina altara
Opera pittorica di Edina Altara

Edina Altara è stata una pittrice, illustratrice e decoratrice sarda apprezzatissima in tutta Italia.

Nacque a Sassari il 9 luglio 1898, figlia di una famiglia borghese e terza di quattro sorelle. Il padre era un oculista originario del nuorese, precisamente del paese di Bitti, mentre la madre proveniva da una facoltosa famiglia di Pattada.

Era solo una bambina quando iniziò a dedicarsi all’arte del disegno, così, da giovanissima e col supporto del pittore sassarese Giuseppe Biasi, iniziò la sua carriera da autodidatta.

La sua bravura non tardò ad essere notata, tanto che Edina, a soli 18 anni, si vide acquistare un primo collage (il nome dell’opera è “Nella terra degli intrepidi sardi”) da re Vittorio Emuele II, che rimase affascinato dall’opera della fanciulla in occasione della mostra Società degli Amici dell’Arte, svoltasi a a Torino nel 1917.

Convolò a nozze con un artista del suo calibro: Vittorio Accornero de Testa, illustratore anche lui noto col nome d’arte di Victor Max Ninon.

Iniziò a lavorare in qualità di illustratrice decò assieme a lui, tanto che le opere eseguite a quattro mani venivano firmate “Edina e Ninon”. Di lì in poi per Edina fu un successo: realizzò numerose cartoline per le celebri case editrici di Milano Degami, Cecami e N.M.M.

Ma Edina si dedicò molto non solo alla pittura e all’illustrazione. Amava anche la ceramica e la moda e diede prova di grande maestria anche in questi ambiti. Oggi, Edina Altara è annoverata fra le più grandi artiste sarde del primo ‘900.

Donne sarde nella storia: Adelasia di Torres

Comments are closed.